venerdì 23 dicembre 2011

Un Buon Bau Natale e un buon 2012

chiuso per ferie dal 23/12/2011 al 02/01/2012

Non potevo non scegliere un 'immagine diversa per augurarvi buon Natale... e considerando la mia "chiusura" per festività anche Buon anno.


lunedì 19 dicembre 2011

51+42+42=15gg....emozioni di sport

non ci credo e forse non riesco ancora a rendermene conto..... a distanza di quel giugno che vedo molto vicino ma rimasto lontano nei ricordi....il piriforme che ahimè l'ho conosciuto e combattuto...
il mio piccolo obiettivo l'ho raggiunto e stimolo per qualcosa di nuovo... che continua a girar per la mia testa guardando già a dicembre 2012.... e qualcosa per me di molto importante nel mezzo con cui ho un conto in sospeso...
51km percorsi a San bendetto del Tronto
42.195km pacer 4h30 a maratona di Reggio
42195km pacer 4h45 (l'impresa più dura tra tutte) maratona di Pisa
parlato poco per scaramanzia...
a brave il racconto di un anno tra corsa, bici e triathlon...
emozioni giocando con lo sport...

martedì 13 dicembre 2011

50,600 + 42,195 = 7gg il piè tira la gamba

L'arrivo a Reggio con Liliana Farro , Roberto   12/12
La mattina del 03/12 a SAn Benedetto del tronto con Andrea e Francesco

Son qui che scrivo e non ci credo ancora....
pensando a solo 2 anni fa, 24 mesi fa, quando per la prima volta a firenze 2009 correvo la mia distanza preferita senza mai aver fatto oltre 15km se non una 21km 10gg prima, La Regina e non a caso... mi emoziono...in quanto tutte le volte 42 non sono 50..
Podista per caso quasi per sfida in quanto non ho un passato nell'atletica leggera ma sulle 2 ruote con forza motrice GAMBE..




Finita la stagione di triathlon e dei combinati mi sono tolta dalla testa ogni genere di tabella e mi dico: Faccio ciò che mi piace ascoltando il mio corpo.. Praticamente una somara!
Un "Vermicello" (non la pasta) mi passa per la testa e allora ecco che la mia promessa di correre solo una maratona e bene svanisce nel nulla come la famosa acqua in polvere!



Dopo la maratona di Carpi e Lucca ho lasciato il mio fisico recuperare e respirare allenandomi solamente( che insulto al mio jogging usar la parola allenare) visto lo sfacelo e contrattura dopo la Forlì-Ravenna.
Leggo che a San Bendetto del tronto il 3/4 dicembre c'è la corsa in beneficenza per telethon organizzata di 6/12/24h ma mi ricordo che ho preso un'impegno per l'11 dicembre e 18 dicembre ... una manifestazione partecipata da poche persone ma dove vanno grossi meriti a Francesco che deve far tornare i conti ma è riuscito a devolvere parte del ricavato in beneficenza.

Come da gran Testa di Bisceglie non dico nulla a nessuno .....decido di andare a San Bendetto per provare qualche km  in circuito da 1,2km e allenarmi in compagnia; Mio Marito la sera, al mio rientro  mi dice scherzosamente: dopo questa,  la prox volta che andiamo a Bisceglie ti rinchiudo in manicomio.... non so più come fare a farti star buona..SANTO SUBITO! confermo!
La partenza è stabilita alle 11 circa e quindi non devo svegliarmi a orari indecenti..mio marito preferisce riposare e non seguirmi sa che non sono completamente sola,  il gallo canta alle 5.00 e alle 6 sono pronta per partire e in meno di 3h sono sul luogo dove incontro Andrea, lui è li non per un allenamento, ha il suo obiettivo... ritiro numeri e incontro la Giuliana, un diesel che le fa tutte, incontriamo subito Francesco Capecci che sta Transennando la zona...
a mia sorpresa e tanto gradita mi ritrovo tra Pugliesi, Rino Napoletano (farà 24h) Lorenzo Gemma e per finire Angela Gargano con il marito Michele.. Angela l'avevo conosciuta la notte del passatore e si ricordava delle mie treccine.. mi ricorda quando mi si è avvicinata per confortarmi.. che bella sorpresa.... avrò la sua compagnia per un po' di giri .. io mi stacco per un pò perchè voglio allenarmi e non voglio andar troppo piano ma l'aspetterò negli ultimi giri per farli in sua compagnia...
ore 17.00 finisco la mia 6h in ottima forma decretando che mi possono bastare con un risultato di 51km circa...saluto e ringrazio ai ristori le donne che ci hanno sempre assistito la moglie di Massimo (lui è sul percorso), Anna la santa moglie di Francesco. 2 passi con la Giuliana, 2 passi con Andrea, 2 passi con qualcun altro e alla fine potevo far qualche altro giro a furia di far 2 passi. Ma è ora c'è mio Marito con gli amici che mi aspettano per la cena del sabato sera in compagnia!

11/12 Maratona di Reggio...
sono un po' pensierosa mi chiedo se potrò farcela.. io ne sono certa di si, le gambe durante la settimana le ho trattate bene e sento che posso farcela.
arrivo a Reggio al palazzetto dello sport per il ritiro del numero, maglia eeeeee Palloncini 4h30! che sorpresa Andrea Giovanetti riesce a trovar i palloncini originali a pois che tanto mi ricordano le mie adorate Macchie (sul percorso troverò un dalmata che tanto assomiglia alla mia piccola Siria che mi porta via per qualche attimo dal gruppo)

Che strano, non è la mia maratona è la maratona degli altri.. ... il popolo delle 4h in su è diverso, regala emozioni e la vive in maniera diversa ... senza nulla togliere a chi riesce tranquillamente a star sotto le 3h.... o 3h30


è bello ritrovar la Liliana non l'avrei mai detto di poter fare una così bella maratona sotto ritmo e con una bellissima compagnia tra Liliana e Roberto.... La sintonia tra noi? E' stata una SINFONIA... Un rammarico avrei voluto tanto tagliare il traguardo con la mia cara Agnese...

 I KM volano senza accorgercene, allo start il garmin non ne vuole sapere di agganciar il satellite e per qualche attimo ho pensato di andarlo a "prendere direttamente", ci districhiamo tra il centro di reggio con 2 passaggi sotto l'arco della partenza al secondo giro però vediamo una ragazza per terra sanguinante... spero tutto bene per lei e che non abbia avuto grosse conseguenze... la maratona è una Gioia non una Tragedia, finalmente il mio Garmin prende il suo satellite! km 4 inizia la maratona sul mio satellitare e al 5 inizia a segnare il lap!
tutto vola, incontro amici durante (la maratona è diventata un ritrovo ) la Clò, l'Agnese, Vittorio, la Tea e tanti altri tra cui anche Sen che ormai ritrovo sempre a tutte le gare e conosciuto sulla Colla in quella magica notte del passatore...  si fanno chiacchiere ed è un continuo parlar facendo le mie false promesse di star zitta per qualche km! nada! promessa fallita non so cosa sinceramente io abbia detto durante la maratona o cantato ma so che di palloncini non ce n'erano solo 9... ho sparato tante di quelle caxxate che non ricordo nulla di tutto ciò ma ricordo i km, le persone, l'amicizia che ci ha unito, i sorrisi... una valanga di felicità e veder chi ci ha seguito prender il volo verso il traguardo molto prima di noi ci ha regalato immensa gioia e ritrovarli all'arrivo che ci aspettavano per il ringraziamento.... ecco questo è stato il mio più bel regalo e la più bella soddisfazione....
Ma tornando a noi con il racconto, fino al km 30 tutto scorre, si inizia a fare il conto alla rovescia e ogni km diventa una ola e un ritornello che farà "ooooooo----ooooooooo- aeiou y ---oooo olè"Reggio non è pianeggiante io direi che per i 2/3 si sale se pur in maniera lieve ma si sale .... ma i nostri runners sono con noi e al km 32,50 inizia anche la battaglia delle spugne! oh yea! ormai sta finendo e al 35^ siamo ancora quasi tutti insieme e festeggiam, io e la Li con Lambrusco e gnocco (impasto della pizza) fritto! W il buon lambrusco e il San giovese!
al 37^ piccola crisi di qualche centinaio di metri, il mio silenzio, i miei cattivi pensieri e mi assento, assopisco .. ma la Li afferra al volo e riparte con quella canzone che il ritornello fa IL PIè, IL PIEDE TIRAAA LA GAMBA, IL PIE', IL PIEDE TIRAAAA LA GAMBA... e mi aiuta a ritrovarmi in un attimo sono tra loro e il km 40 arriva! alcuni sono andati via verso il traguardo con la nostra gioia, alcuni purtroppo si staccheranno ma noi siam li e il traguardo è arrivato 42195m e missione compiuto 4h30'15'' real time 4h28!
Con la gioia nel cuore e un abbraccio a TRE la nostra maratona, la distanza più bella in assoluto si conclude anche questa volta....

alla prox e come sempre.............................
UNA PAROLA E UN SORRISO PER TUTTI




lunedì 21 novembre 2011

Eppur avevo la gonna


Avevo rinunciato alla maratona di Firenze per poter fare Bari quest'anno...
Ma ne l'una e ne l'altra ho fatto...

Sento degli amici su Fb che mi propongono una gara di 24km scarsi... 24km si possono fare dai, ma in collina? non sono preparata e sarebbe una cavolata per via della contrattura che mi porto dietro dalla passeggiata della Fo-Ra (si sono sempre rotta, rispetto poco le mie gambe).
Il quadricipite lunedi scorso mi dice che posso farla con razionalità e prendendola come un buon allenamento posso anche pensare di arrivare con il mio solito sorriso...e allenarmi martedi.
Ringrazio Andrea Giovanetti, Ilaria e Barbara per avermi presentato questa gara... BELLA, TOSTA MA CON UN PANORAMA DA RENDERE I KM E  LE PENDENZE INESISTENTI..

Il nome della corsa mi ricorda qualcosa ma non mi viene subito in mente, quando rivedo Le Tre Croci in cima mi dico: ma sono le stesse che rivedo ogni anno nella Granfondo di Carpi in bici... effettivamente in Bici non ho molto tempo per guardarmi intorno.... un bellissimo Panorama tra i colori caldi della natura...
Arrivo a Scandiano, il solito rito del ritiro pettorale, saluti a Dx e Sx con gran piacere e tra una chiacchiera e l'altra mi dimentico di fare la spunta manuale  (un V con il pennello) e peggio di peggio allo scoppio dello sparo dico: DOBBIAM PARTIRE? è LA PARTENZA?

 La temperatura non è molto estiva e il mio pensiero va a chi sta correndo la maratona a Bari con 16° in più rispetto a me... Uft!
La Partenza  con un "nebbione" mi fa pensare alla foto dell'altimetria che mi sono scaricata... mmmmm i primi 12km sono mossi.... cavolo! Mosso seriamente sarà dal 10^ km, avevo il cervello annebbiato quando ho visto l'altimetria... ma con pazienza e quel minimo di cervello che mi è rimasto affronto la salita con un filo di gas e camminando dove bisognava spinger di più... e km su km, circondata dallo spettacolo della natura dei colori autunnali che passano dal giallo, marrone e arancione via verso il 18^ km per scendere verso L'arrivo...
Peccato non poter liberar le gambe in alcuni momenti avrei voluto scogliere il "cane" che c'è dentro di me ma nada devo stringere i denti e frenarmi non voglio pagare per 10 minuti di imprudenza!
Ottimo, scollino e si va senza problemi senza dolori se non il solito fastidio al Prosciutto di Sx!

ovviamente le Gambe reagiscono bene e le donnine che mi hanno superato in discesa le recupero negli ultimi 2km di piano .... e Tac giro di pista finale con tanto di volata!

Soddisfatta e con la gioia di correre arrivo!

il tempo di cambiarmi e scambiar chiacchiere che arriva anche la Barbara Fava! immaginavo fosse una ragazzona ma non così Alta! Eppur io non sono bassa ma in questa foto mi sento molto piccola per la prima volta! Al suo arrivo Barbara mi offre una Buona Barretta energetica! un Buon Kinder! W il cioccolato che ultimamente mi tiene molta compagnia!

Pezzo finale della giornata, guardo le classifiche e Tac:


321 79 LOSURDO PASQUA SURFING SHOP PROMOTION 84 (321 MASCHI) 2H12.30


EPPUR AVEVO LA GONNA 
Sono finita nella classifica maschile :)

Non mi interessa dove io sia finita, mi interessa averla finita sapendo che non mi sono risparmiata, ho usato un minimo di testa (cosa strana), arrivando con il sorriso sulle labbra.

Tornata anche a scrivere con tanta voglia...




mercoledì 2 novembre 2011

Una mezza a sorpresa

Maratonina di Calderara di Reno
Non molte parole... nessuna immagine (photosprint ci impiega un po' di tempo a pubblicarle)
Non avevo voglia di far lenti, ne avevo già fatto uno lungo e lento domenica 23/10, guardando il calendario podistico della bassa romagna noto un 10000m finto in zona e allora mi dico meglio andar a far quello un po' vivace ne ho bisogno.
Ma giovedi o venerdi non ricordo bene mi viene proposta una mezza nei dintorni di Bologna. Perchè no? mi dico e gli dico. Ok la voglio fare!
Strano ma vero... sento le mie gambe riposate da voler tentare qualche km sotto i 5'km e sarà così.. un 12000 perfetto nell'ora e dopo cerco di recuperare le gambe... con il cane addosso e un buon divertimento... in ottobre mi porto a casa in circostanze molto strane 2 P B .... le 4h05 in maratona (dopo la mediofondo del sabato a carpi) e la mezza in 1h48... a dirla tutta non l'avevo preparata...

stringo i denti e continuo a sognare con la corsa

giovedì 27 ottobre 2011

Grazie... a te che mi hai ringraziato.


sempre riferito a Lucca con l'aggiunta di Verona:

in una sera come le altre, un rientro a casa vuoto riempito dal calore delle mie cucciole pelose, accendo il Pc e mi dico: Dai Alina va a perder tempo su Fb mentre guardi la posta e fai le tue piccole ricerche...
Eccola tra le tante mail, 5/10 è pubblicita, 4/10 info fiscali e invece 1/10 è quella che mi ha dato dei nuovi stimoli...
a voi l'interpretazione non voglio scriver troppo Lui mi ha riempito il cuore di gioia...
Per privacy non pubblico i suoi dati ma gli dico Grazie io..

Carissima Alina,

spero di non disturbarti, ma dopo tante ricerche ho
trovato (spero sia giusto il tuo indirizzo e-mail......).

Mi permetto
di farti dono delle foto allegate.
A Lucca visto la gara in corso non
ho avuto modo per esprimerti "IL PIACERE" che ho provato nel
rivederti
mi sei rimasta nel cuore fin dai tempi della mia PRIMA MARATONA in quel
di VERONA.

Quando a LUCCA ho sentito dietro le mie spalle la tua
voce.......mi hai donato una carica che non riesco a trovare le parole
giuste per descrivere.............

SEI UNA GRANDE RUNNER, GRAZIE DI
TUTTO. E SPERO A PRESTO.




Adesso si che mi sento una Runner... grazie.

martedì 25 ottobre 2011

pace lo leggo peis o pace

Lucca marathon...  23/10/2011

a 2 settimane dalla combinata carpi maranello ho desiderio ti attaccarmi il pettorale, più che altro dei palloncini,  ma questa volta non per me ma per gli altri..
Dopo l'esperienza di Verona marathon, un pacer molto improvvisato, ho pensato più a me cercando "quasi in maniera convulsiva" la prestazione mai arrivata  anzi solo infortuni di cui mi porto ancora il peso e pian pianino si stanno risolvendo anche grazie alla scoperta del TAPING in quanto sono problemi muscolari.

Non posso pernottare  a Lucca il sabato ho altri impegni ma posso puntar la mia AMATA sveglia alle 3.45 per scender dal letto alle 4.00. Così sarà! Non mi sono proprio risparmiata neanche l'orario di inserimento corpo sotto le coperte, ora 00.45!  Son giovincella gliela fò!

Si recupera Andrea da Sasso Marconi e si va... fortuna c'è.. non so ma i miei occhi ogni tanto vedono qualche gufetto di troppo... Si arriva a Lucca giusto il tempo di parcheggiare e andare all'area destinata ai pacemaker e chi trovo???? la mia cara Franca e Andrea rispettivamente nelle fasce da 4h e 4h45, io sono nel mezzo 4h30.

foto ricordo e via verso la partenza con i 2 Michele, mi accorgo già prima di partire che ho molto da imparare... Michele, il pettorale 51, ha molto da insegnarmi e voglio imparare perchè fare il pacer è veramente un lavoro da certosini... non si improvvisa con le gambe degli altri... mi porge una tabella che prenderò e capirò km per km che è importante se i km sono posizionati in maniera corretta altrimenti si rischia l'effetto elastico come saremo costretti a fare tra il 26 e 30km....
Michele mi ha dato qualcosa di cui farò tesoro nelle prossime maratone, non solo darò un sorriso e sostegno ma anche un peletto di tecnica in più ...

Il piacere di portar qualcuno al traguardo dall'inizio alla fine lo avremo ed ecco precisi e puntuali abbiamo spaccato il minuto.

Interessante il post maratona  con un pranzo ancor più improvvisato offerto dal caro Amico Andrea e C. linguine al pesto accompagnato da un vinello che "fa sangue" dopo la passeggiata della mattina.

Con il cuore in pace a fare il pace sorrido e come sempre:
A SMILE FOR EVERYBODY, ALWAYS HAPPY :)







venerdì 21 ottobre 2011

combinando 2 squadre il risultato non cambia

Carpi Maranello
2010 ho azzardato a combinare Asd Baracca lugo ciclismo + Surfing shop running, ne è venuta fuori un 'ottima combinazione.
2011 ho ricombinato con gli stessi addendi e il risultato è stato ancor eccellente.
L'anno prox comparirò ancora nell'albo d'oro della combinata.

nulla

 Una tempesta di stati d'animo...
momenti di uragano alternati al sereno
all'improvviso un lampo a ciel sereno
che fa crollar
ogni certezza in un cielo senza nuvole, senza ombre.
ogni castello crolla per via dell'uragano
una meta che sembra un punto di partenza par che sia un arrivo
una partenza che deve generar altri stimoli
per creare nuove mete.
è più difficile riapartire quando si raggiunge una meta,
dopo un fallimento si ha voglia di riscatto,
l'obiettivo ti sembra vicino.

una fiamma che se non alimentata muore,
se non le si da la legna e ossigeno presto si spegnerà
o forse lo è di già.

scale..fatte.. ricordate..

la mente viaggia,
la testa vaga..
il cuore si stringe
utilizza le riserve
è solo..
ma non molla
non vuole ascoltare
vuole solo immaginare
anche in un deserto roccioso scorre l'acqua
dietro  la montagna si intravede un'oasi..
un'oasi che porta felicità se pur momentanea
ci sono molti km di sabbia da percorrere
prima di arrivare alla meta...
è lontana dallo sguardo ma prima o poi la meta arriva.

mercoledì 12 ottobre 2011

tris week end alla terza

ultimo week end di TIRO dopo questo riposo assoluto.. per.....qualche giorno anche un pò forzato
RICOMBINO ANCORA UNA VOLTA: 
MEDIOFONDO DI CARPI 95KM + MARATONA DI MARANELLO CARPI 



è il mio week end, anzi il NOSTRO, come un anno fa esattamente si ripete! 
Posso farcela! ce la faccio! Lo devo a me stessa e chi crede in me! 
Non ho mai pubblicizzato i miei allenamenti li ho sempre seguiti, l'ho fatto anche per scaramanzia, ho corretto l'alimentazione concedendomi qualche volta un vizio per Frexxr il cervello, VOLEVO TORNARE A CORRERE LA DISTANZA REGINA! volevo HO AVUTO, ho corso. ho combinato. Ma continuo a seguire un regime di dieta continuo, più che dieta la definisco abitudine alimentare. 
Mentre la mia testa in questo week end andava a Pelo che correva il suo 9^e 10^ ironman in 10gg,  pensavo a quanta voglia di riscatto reale io potessi avere. TROPPA. Lui genera stimoli. Io prendo su. 
Nella settimana che precedeva il week end e ancora oggi, ho avuto qualche problema di salute che si può tranquillamente curare (chiamiamolo male di stagione) ma la voglia di correre la combinata mi fa tacere anche a casa (pur se adesso le urla le sentono fino a Lugo)  unica scelta razionale una volta in bici è che invece di fare il percorso lungo bike 153km meglio fare il medio 95km per non potare il mio corpo al limite in quanto è stata una giornata molto ventilata e in bike il vento non è un solletico... 
Partenza ore 11.45 Go! Ricordando per 1' le vittime del crollo del palazzo di Barletta. 
Rimango sempre in gruppo. devo cercare di avere sempre intorno a me la "coperta" per evitare di stancar troppo le gambe per via del vento, sfruttar tutte le ruote e attaccarmi a tutti. Carpi non è impegnativa come granfondo o mediofondo è molto monotona con delle pianure interminabili, l'unica salita che abbassa i 39km/h di media è la vetta delle tre croci. E' fatta in poco più di 2h37' termino la bike... è risaputo che è la mia miglior frazione e che non mi riesce difficile allenarla... i miei km in bici da gennaio a oggi sono solo 3500km di qualità comprese le gare. 
reintegro con i carboidrati e torno a casa per passar quel che rimane del tempo a far la moglie. 

Domenica mattina.
Non so ancora dove, come e perchè ma la mia sveglia anzichè alle 5.00 suona alle 6.00 in automatico è andata un'ora indietro! ODIO I NUOVI CELLULARI. 
Per la maratona mi organizzo con Isabel per andar in macchina con lei a Maranello e fortunatamente le avevo spiegato in maniera grossolana la strada di casa e alle 5.45 suona il citofono facendomi fare un gran salto dal letto stile gazzella. UFT faccio aspettar Isabel e per fortuna avevo preparato tutto la sera. MA SALTA LA COLAZIONE, QUINDI  NIENTE PLASMON E TRECCINA. 
Appena salgo in macchina con l'occhio ancora incaccolato dal sonno dico: Isabel che strada fai? mmmmm meglio tacere sulla risposta... con cartina alla mano andiamo a Maranello.. Meno male sane e salve. A parte qualche errore di attenzione a livello di indicazione stradale non è così male come autista.. io? me la cavo molto bene e sempre con cartine alla mano. Cartine geografiche non altro genere!! 
Mangiucchio qualcosa, sono tesa... si molto ... incontro ancora una volta il SOMMO GURU che con quel freddo giustamente dice "corriamo un pò?" ed io "si si correte pure"... io mi metto in un angolino isolata, non voglio sentire chiacchiere, tempi, strategie, io ho solo la mia e mi metto a far un pò di streching.. non do fastidio a nessuno... ormai è ora di ingrigliarsi saluto Isabel e le auguro una buona gara.. io voglio pensare solo a me stessa... 
Lascio volutamente il garmin a casa, voglio andare a sensazione, guardando l'orologio e i km che sono segnati si fa presto a far le medie... 5+5=10
ho freddo (non sono al max della forma) e devo fare attenzione a riscaldarmi bene.. imposto piano i miei primi 10km non ho fretta, 42km sono tanti... inizio a  aumentar pian pianino all'11^  km sento che la gamba c'è, è calda.. sul percorso incontro amici di facebook che mi riconoscono e sono contenta di vederli. 
Incontro Lorenzo Gemma il sabato era a percorrere la 6h di Fano, chiuderà la maratona intorno alle 4h30'.
Non mi guardo molto intorno ma il mio pensiero spesso va ad Isabel so che non è allenata ma è dura non si ritirerà. Con  mia grande sorpresa la ritrovo al 15^km ma ha già fuso il motore e rallenta... io non aspetto continuo perchè in testa ho solo un obiettivo rimaner costante fino alla fine! ce la faccio! è così! 
al 39^km inevitabilmente mi compare il mostro del crampo ma è un solletico se cammino mi passa, infondo oltre a correre sappiam camminare no? farò così e in quei 5' di passo lui passa e io continuo a correre mi fermo al ristoro del 40km^ ne avevo bisogno e quel sottopasso lo faccio di passo per evitar di dover camminar ancora per i crampi ed ecco che ho ragione... e via le gambe tornano, magico è il 41^km non lo senti nemmeno lo sforzo fatto dei 40km precedenti... di volata verso la P.zza di Carpi ripercorrendo ancora una volta  una distanza che ho temuto non riuscire più a percorrere, rimpiazzando il vuoto lasciato dall'elba , con il piacere di sfiorare il muro delle 4h e facendo il mio personale proprio nella combinata CARPI+MARANELLO!
sto tornando.. par che è ancora lungo il cammino.. non ho paura... infondo dopo la salita c'è sempre la discesa.. pian piano salgo, risparmio, medito...
alla prox 




tris week end alla seconda


week end senza andar in trasferta, location: Rimini 01/02 ottobre
Campionati Italiani triathlon distanza sprint individuali al sabato e a squadra TTT la domenica.
Rabbrividisco a veder l'orario dello Start ma ok il sabato si può fare... un po' freddino a dire il vero ma in uno Sprint dopo la partenza non senti freddo neanche se nevica e le mie mise invernali nei duathlon sono ricordate per esser molto estive..
Venendo dal ritiro dell'Elbaman 73 ho molta rabbia dentro con me stessa..
Sabato mattina c'è pochissimo tempo per far chiacchiere, giusto il tempo di quelle fatte con l'accompagnatore e salutar velocemente ragazze che vedrò solo nella prox stagione se non mi rompo.
Start si parte senza neanche accorgermene, una frazione di nuoto un po' maluccia la corrente è forte e non credo che i miei 20' impiegati sono per una distanza da 750m.. erano un pelo di più... ma va bene tutto in ogni caso, Z.C. prendo la bike con cui faccio quasi pace... dopo l'elba non l'ho neanche vista di sfuggito e tirata fuori per provarla, ottima bike 21km in 35' .... come al solito quoto il no draft, saper far la scia è un'arte e ci vuole attenzione... ho rischiato seriamente di farmi male per colpa di chi non sa farla,  nelle gambe ho grinta adrenalina... ed ecco terminati anche  i 5km run....26' forse un peletto in più di 5km ma le tolleranze sono sempre ammesse!

domenica avrei dovuto esser a fare il pacer alla mezza di Gardaland.. a me piace molto far il pacer...
Ma decido di partecipare alla gara a squadra con la Claudia e la Manila in quanto ultimo anno con i colori Surfing Shop e tanto devo alla Clà..
Crono TTT si parte, ogni squadra parte a 20'' di differenza.. noi siamo le 12^. Si parte, Claudia è un'ottima nuotatrice cerco di starle dietro ma ben presto la mollerò non ce la faccio ma continuo a nuotar come meglio posso e veloce perchè so che ci sono loro ad aspettarmi...e lei è proprio li alla riva che mi tende la mano..  riprendiamo molte squadre già al nuoto.. La Claudia è reduce dall'ironman della domenica prima... ma lei c'è! si parte per una frazione bike con i fiocchi e controfiocchi tutte e tre! sempre insieme...
QUESTO LO SOTTOLINEO: prima di partire ci eravamo informate del percorso... ma non era chiaro neanche ai giudici.
Si parte per la frazione run  dove purtroppo per incomprensioni noi e altre 7 squadre femminili ci siam sbagliate e non guardando il crono non ci siamo accorte che avevamo fatto un giro in meno o mezzo giro in meno perchè tutto'ora non ho capito quale fosse il giro corretto da fare.... non voglio aprire polemiche. chiuso.
Però in quella frazione run ci abbiam messo tutto da sentirci unite, una SQUADRA che a prescindere dai colori dei nostri body sarà la nostra...




tris di week end

3 week end intensi, forti, ricchi...da cui prender tutto e tenerlo nel bagaglio delle emozioni..                                                                                     

ELBAMAN 73
Voglio ricordar così il 25/09/2011 con un sorriso sulla bike...che in quel giorno non ho amato. 
un week end da trascorrere all'elba diversamente ma lo ho affrontato con Isabel cara amica... 
L'ho preparato a lungo scrupolosamente e come al solito prepari, prepari e poi o ti rompo o ti "sazi" 
Trasferta avvenuta il sabato mattina senza marito che da mesi "fu" impegnato anche nel week end con il suo lavoro quindi prendo ormai la Sua Passat, carico 1 borsone dove avrò l'essenziale per gareggiare + Willy (amico quasi fedele, è la mia bike) e mi dirigo in quel di Alfonsine a prender Isabel che mi aspetta stile thelma e louise, con una sola differenza io con 1 borsone, lei sembrava in fase di trasoloco. 
Prima volta in assoluto che affronto una trasferta così lontanuccia da sola alla guida della Passat ormai amica fedele di questi week end trascorsi, traghetto a Piombino e via verso Marina di Campo..un Paradiso terrestre l'isoletta dell'Elba. 
Sento in me qualcosa di strano.. poche emozioni non posso farlo vedere (l'Alina è forte, è emotiva) ma cerco di ritrovarmi con la compagnia di tanti amici e Amiche, Chiara... Isabel.. l'incontro molto casuale di Andrea Clerici che mi becca proprio nel momento in cui sto mangiando il gelato ! 
Ritiro pettorale, bici in zona cambio e qui chiedo aiuto a Chiara per il copri bici considerando una minima minaccia di pioggia e l'umidità della notte.. 
Tante chiacchiere a dx e sx, incontrando molto amici tra cui il Mitico Guru (Ame), Gianluca che mi ha aiutato  tantissimo post infortunio passatore... 
é ora di tornare in albergo, non mi pento di averlo prenotato a Marciana Marina così ho la possibilità di visitare un altro pezzettino di Elba.. 
Punto la sveglia e questa suona... Non sono pronta mi manca qualcosa... mi manca l'adrenalina al contrario di quel che sembra. 
Parto gli  ironman tra cui anche Claudia e la Daria, i loro volti rilassati al primo giro di boa al nuoto sono quasi un toccasana per me... 
tocca a noi ora, la spunta e Start.. bellissimo nuoto per me senza faticare e spingere guardando sempre il fondo in acqua cristallina che "sa di mare" ed ecco 37' sono fuori... quasi senza aspettarmelo... non sono ultima c'è altra gente in acqua mi dico subito... e non poche.. 
verso la bike corro, penso ma non so... stimoli cavolo quei stimoli che ti fanno andar avanti! prendo la bike e già recupero qualche posizione con un cambio veloce... inizio a pestar i pedali di  Willy e vado su senza far fatica... scambio chiacchiere (sinonimo di ..) prendo posizioni... recupero la Chiara mia cara Amica e nemica e continuo la fase di sorpasso.. Marciana il buio non volevo continuare, mi sentivo triste, demotivata senza un motivo a continuar a pestar, Perchè? e mi ripeto perchè? io sono l'unica che lo sa. Vado bene, Vado veramente Forte.... ma non mi va...
Ritiro... 
ho fatto congestione. 
Mi sdraio in spiaggia, mi isolo e Isabel rispetta questa mia esigenza. 
Arrivano gli "ironman" dalla bike il mio cuore si riempie di gioia nel vedere la Claudia in maratona.. lei corre, c'è, è tenace, è grintosa, è una Donna! 
Voglio vedere il suo arrivo, voglio esser li ad aspettarla.. a ogni giro la incito come meglio posso non voglio darle fastidio .. 
ed ecco che è l'ultimo giro per lei... doloroso, faticoso ma c'è sta finendo la maratona ... le voglio andar incontro e trovo anche la Daria che dovrà ancor fare qualche giro... parliamo, scambiamo chiacchiere, è grintosa il suo camminare è la mia corsa.. la lascio per correre incontro a Claudia.. le leggo la felicità e l'amaro in bocca per non aver centrato l'obiettivo tempo, ma finire l'ironman dell'elba non è mangiar noccioline al cinema e lei lo sa bene .. lei sa sempre ripartire.. commossa e tanto per veder l'arrivo di chi si vuole bene... 




martedì 20 settembre 2011

mi sento così ... pronta? si bah certo, forse anche si

ecco come mi sento......
Ormai sono passati quasi 3 mesi dal 28/05/2011.... quella follia pura che mi è costata uno stop di un mese da tutti gli sport....
Contrattura del piriforme con spostamento del bacino..che dolore alle anche per non parlare, di ginocchia, schiena e qualsiasi arto collegato dal bacino in giù.
Finalmente decido di farmi curare da un osteopata (come consigliato dal mio ortopedico da marzo). La prima seduta a fine giugno.. ho male devo aver pazienza..A distanza di una settimana  devo tornarci e ed ecco che scopro il taping, mi riempie di cerotti dalla schiena fino al ....... vabbè ci siam capiti il piriforme non è mica in testa...
Mi dice di iniziar a correre che dolore, qualche volta (tante) le lacrime.... che sconforto...pian piano riprendo... 2km... 3km.... per riprendere finalmente a far gli allenamenti che con tanta pazienza Gianluca mi prepara....e mi segue tramite mail.... ed ecco che il 4 settembre torno a correre una mezza, quale?
Bologna run to up.. che calor e che umidità.. penso che sia la prima volta in vita mia che ho fatto tutti i ristori... anche il 20^!  bene, si ci sono arrivata con non moltissimi allenamenti ma quelli fatti, sempre bene mirati e questa doveva essere un modo per ritrovarmi, sentir il mio corpo.. lenta ma gustata...
ed ecco ancor una volta Luca accanto a me a farmi da cavaliere e devo affermar che sta volta Lui mi avrebbe dato quella famosa paga!!!
1h58'' il mio personale è 1h50''... ma bologna non è pianeggiante... e con quell'umidità va bene così!
il carico finale è fatto... dovevo limar quella preparazione che ha come obiettivo l'elba... il 70.3 .
Dopo l'infortunio del passatore non volevo far più nulla...anzi volevo alzar bandiera bianca... ma Amedeo mi ha dato una grossa mano a riprendermi psicologicamente almeno da far il 1/2 iron... ed è stato così...
il 14/09/2011 ho iniziato il famoso "scarico di tensioni" allenamenti tanto per far la doccia come li definisce "Gianluca" e per mantener la gamba... obiettivo 25/09/2011 ...
Tramite Facebook Danilo Biagiotti conosciuto come il Mitico Jane gira l'invito per un triathlon molto nostrano per lo stesso week end di Lido delle Nazioni che volutamente decido di non fare per evitare che gareggiare mi potesse saziare, Ecco è quello di cui avevo bisogno! Divertirmi gareggiando tra gente  nuova senza ambizioni, senza pettorale ritrovando la vera essenza dello sport.... IL DIVERTIMENTO PURO..
ecco mi sento piena.... ma non sazia.
e che domenica la sfiga si faccia un giro da qualche altra parte....

lunedì 29 agosto 2011

FAENZA 2011


28/08/2011
terza settimana di carico... il triathlon faenza deve essere il mezzo di un allenamento e la fine del carico (finalmente si scarica fino a giovedi).
Le condizioni meteo e temperature sono gradevoli non è tanto caldo come era previsto.
Sveglia alle 7:00 (meno male....) colazione con le mie 2 nastrine e 4 biscotti di riso e monto sulla bici un po' incerta per un vento a sfavore, i 5 cavalcavia mi sembrano delle salite ma mi dico tra me e me: non saranno le tagliatelle al ragù+polenta al ragù+patate fritte+spiedini misti che mi appesantiscono un po'? ma forse un pò troppo ho mangiato.. ultimamente i miei ritmi sono diversi ma non si può far dieta alla sagra delle sfogline di Massa Lombarda rigorosamente tirate a mano.
Arrivo a faenza il tempo di cambiarmi d'abito, scambiar 2 chiacchiere e mi sento già tesa, la solita emozione che carica adrenALINA e non mi accorgo che dobbiamo prepararci a bordo vasca.
La solita chiacchierona.
La Gessica Sarti il sabato recupera il mio numero pettorale e mi dice: siamo in vasca insieme, ed io nooooooooo! Con la mia paperella non voglio esserevi di intralcio.
La stanchezza del carico la sento ma ormai ci sono devo farla al max!
Si parte è start!
frazione al nuoto senza un filo di stanchezza, esco e via a montar sulla mia bike (fedele o quasi willy) ed eccolo Lui il vento, ma dai si è lieve (penso) andiamo su e incomincio a pestar sui pedali su quella salita che va di forza, o ne hai o ne hai.
Non sapevo la mia posizione e sinceramente non mi interessava, rimonto La Marzia amica di squadra le dico di attaccarsi ma si attaccherà un uomo dietro che ci rimarrà sempre fino a formare il gruppo dietro di me (mai avuti tanti uomini dietro in vita mia).
Appena imbocco la salita trovo le ragazze che mi dicono: hei non si fa la scia agli uomini?! ed io gentilmente: è lui che fa la mia! lui si era un attimo messo davanti a me confondendomi con la Gessica Sarti, eppur sul body c'è scritta la targa SURFING SHOP e anche le dimensioni fisiche. un onore esser confusa con lei.. non sarà L'unico a confondermi mah, sarà per i nuovo taglio di capelli..
solo una di loro si stacca per starmi dietro e avrà conferma e paga di ciò che dicevo. La Laghi Arianna si distacca dalla mia ruota! dopo la discesa
Che animalo bestia che sono nei mangia e bevi ciclistici! ma anche non ciclistici.. a tavola vado benissimo nel mangia e bevi.
Arrivo in zona cambio non credo a quel che sento, arriva la 3a e mi guardo intorno e mi chiedo, ma sono io??? non è possibile! però di bici non ce ne sono a parte le 2 posizionate nella zona. cavoli sono terza.
Cerco di mantener a tutti costi la mia posizione ma inutile il mio run non è conosciuto come la mia miglior frazione eppur io 5a assoluta e prima di categoria ci son arrivata e prendendo un piccolo schiaffo morale dalla Laghi Arianna che mi ha rimontato negli ultimi 600m : )
Fantastica gara, fantastica organizzazione!


venerdì 26 agosto 2011

ultra e dintorni

spesso mi chiedo e mi interrogo sulla voglia di gareggiare, di mettermi in gioco anche quando non ho le carte per farlo.

Le Ultra perchè? ma anche quella voglia di macinar maratone sopra maratone che significa km di asfalto tutte rigorosamente sopra le 4h.

il Perchè è solo passione, il nostro inconscio è autolesivo, dobbiam espiare per qualcosa?

Non saprei.

Km su km ci si ritrova a scontrarsi solo con se stessi, il mostro della solitudine, a volte al punto di sentirsi completamente vuoti senza un minimo di energia..

Chiamale se vuoi emozioni...

ORMAI 30GG AL MIO OBIETTIVO ELBAMAN 70.3 (DISTANZA TRIATHLON 1.900 NUOTO, 94KM BIKE, 21RUN) ... STRINGO I DENTI CHE TUTTO VADA BENE E SPERO DI RIEMPIRMI IL CUORE DI FELICITà PER DARE UN CALCIO DEFINITIVO ALL'INCUBO E L'AMARO DEL PASSATORE E LASCIARE POSTO A TUTTO QUELLO CHE HO VISSUTO FINO AL KM 65 ...SOGNO DI UN MEZZO PASSATORE...


giovedì 25 agosto 2011

Cambio di squadra..

Ormai sono passati 2 anni quando per caso e con fortuna il Pelo mi ha tesserato nel Surfing.... ero semplicemente alla ricerca di una squadra che mi potesse tesserare per tornar a gareggiare negli olimpici, si perchè fare un olimpico nel triathlon mi sembrava già qualcosa di disumano... e allora (all'epoca era solo una conoscente come tante) La mia Cara Claudia mi ha chiesto di tesserarmi con il Surfing. Vedevo lei e Il Pelo come mostri sacri delle Long Distance e mi chiedevo: ma come fanno? semplice passione, costanza. Quante emozioni indossando questa maglia.. dal 2009 ho sempre gareggiato indossando i colori Surfing.. quelle poche volte nelle corse Uisp con i colori del Massa Lombarda (colori aziendali direi).
Li osservavo e la tanta stima che provavo in loro mi hanno regalato la passione che ora mi porto dietro, l'umiltà di Pelo un gran atleta e ottimo Pres con la caparbietà di Claudia. Che mix..
Ora i miei stimoli sono dati dai km che macino nelle tre discipline, la sfida di sfidarmi e provarci e a volte fin a portar il corpo all'estremo.
A distanze di 2 anni sono qui a cambiar squadra a fine anno, mille e niente i motivi.. FIDAL ho deciso di tesserarmi con una squadra del mio paese di nascita, in Puglia, Fitri con una squadra più vicina....
Grazie Pelo per gli anni trascorsi con il colori Surfing..

mercoledì 24 agosto 2011

Un mal di testa di castelli


Gran Fondo dei castelli Malatestiani. dove? Rimini
I miei allenamenti bike continuano sempre sulla distanza dei centoni per quel che sto preparando, nel calendario noto questa Gran Fondo, impulsivamente mi iscrivo senza star a guardar tanto i particolari tranne il dislivello che mi interessava per il medio fondo, 1400m fattibile. MI SENTO ALLENATA.
Qualche giorno prima leggo il regolamento soffermandomi sulla partenza ore 7.00. TRAGEDIA devo puntar la sveglia alle 4.15 e non andrò a letto prima delle 00.00... è proprio vero amore e passione portano a far follie.
E dir che in settimana mi sveglio alle 6.30 per venir a lavoro.
Ok mi organizzo. Ritiro del pacco gara il sabato pomeriggio così preparo il tutto e la domenica devo solo mettermi in griglia.
CAvoli noto il numero altissimo e mi ingriglio tipo pesce da cuocere sui carboni (le temperature ci son tutte già alle 7 di mattino) negli ultimi...incrocio le dita per non farmi male..attenzione e un pò di esperienza in bici mi salvano.
Start si parte.
Dopo un po' di piattone si inizia a salire verso San Marino, sali sali sali e il cell mi ricorda che non sono più in Italia ma all'estero, in un batter d'occhio sono di nuovo in Italia a Verrucchio.
Non sapevo della presenza di così tanti castelli dai richiami medioevali e mi soffermo a guardarli.. Tra tutti questi sali e pochi scendi sale anche la temperatura dell'ambiente, la mia macchina al parcheggio segnerà 40°, decido di far gli ultimi 2 ristori. Solitamente li passo mi basta quel che ho ma è stato troppo caldo per non fermarsi. Torta di mele a go go e Coca Cola per il ruttino.
Noto il cartello -40km all'arrivo! è fatta dice la mia testolina. ehehe no no no no no c'è ancor da salire e questa volta senza neanche dispiacermi molto. Fino all'arrivo sarà sempre un salir e scendere ma ne mancano ancor 2 impegnative la penultima evidenzia un 14% di pendenza, l'altra un 11%max corte ma un po' stronzine fatte per ultime... MI DIVERTO, TROVO IL GUSTO E SALGO senza far caso a km e pendenze!
la fatica si sente ma quella giusta.
oh yea è fatta con l'ultimo km e mezzo ancora in pendenza!
Che gasolina!!!!

giovedì 4 agosto 2011

lovadina o lavandina?

Triathlon Sprint di Lovadina



31/07/2011


come al solito si parte e giù dal letto ma questa volta non come abitudine per le maratone alle 5 o anche alle 4, questa volta 7.30 che chiul (perdonatemi il termine)

Appena dico a Franco il luogo della gara qualche giorno prima, mi dice: ma lovadina non esiste! ribadendo che è Lovadina e no Lovandina è ancor convinto con la N.

Raccogliamo tutta la famiglia e si parte verso "Lovandina" ancor convinto. Lui di strade se ne intende e vuol fare la SS309 (ROMEA) per arrivarci. All'inizio sono spaventata perchè siamo in ritardo e per di più la domenica è giorno di mare ed è la strada che conduce ai vari Lidi...però come al 60% delle volte ha ragione perchè arriviamo in tempo per la gara e mi godo lo spettacolo che la natura offre... passando nella valle del delta del Pò.

Bella e affascinante la location l'organizzazione deve migliorarsi ma sicuramente il prox anno prenderanno beneficio di quest'anno, centro sportivo Le Bandie. Appena arrivo una felice sopresa, la Francesca tibaldi conosciuta per caso lo scorso anno a Lido delle Nazioni tra una chiacchiera e l'altra. Riti di consuetudine, il ritiro di pettorale e posizionamento numeri.

Franco fa il "Lord" con i cani al lago e io il culetto grosso (ancor di più) durante la gara. Una gara di cui vado fiera senza pensare a se o ma. Nello sprint ci ho messo la stessa passione di fare un'ultra e forse un pò più di frequenza cardiaca. Incontro la Claudia Assirelli ormai mitica Ironwoman, appassionata di triathlon lungo...

La partenza delle donne conta circa 90donne, è dall'anno scorso che non faccio una partenza così numerosa, finalmente incontro la Claudia Sfriso con una carica immensa! che stima!

Il lago è fresco si nuota bene e superata qualche piccola paura che nonostante ormai gli anni "d'esperienza" mi porto sempre dietro, via verso la prima Boa riprendendo la mia posizione fino alla seconda Boa, tra una Boa e l'altra ci sono i sub che recepiscono poco il pericolo di esser boe viventi. Giro di Boa e fuori verso la bici, per uscir dal lago ci aiutano gentilmente 3 uomini ma la mia uscita sarà stile balena arenata...

Cosa importante metter prima il casco prima di ogni altra cosa e poi tutto il resto. Si parte la seconda frazione inizia con una forza interna incredibile, non ne risento neanche tantissimo dei km con la salita fatti in bici il giorno prima, sono 3 laps per un totale di 24km circa.

Segnalato benino il percorso bike, molto tecnico con le sue curve secche e un piccolo strappetto subito dopo la discesa che ti raffredda le gambe e se intelligenza non funzia rischi di rimanerci impiccato, mi è rimasto impresso il ragazzo che dopo una delle curve segnalava la presenza del cavalcavia urlando CURVAAA CAVALCAVIAAA dimenando le braccia, chissà se a casa la sera parlava? penso che lui abbia rischiato grosso, in quella curva si arrivava abbastanza veloci.

frazione bike chiusa riprendendo posizioni, formando un bel gruppetto, lavorando bene con chi dava i cambi, manteneva una velocità alta e costante, considerando che qualcuno non dava cambi e non sa andare in bici, rimango sempre del parere che il no draft rimane sempre buona cosa.

Oh su via si parte per il run! ho le gambe un pò imballate, lo strappetto e da rifare anche a piedi, qui i km del sabato si fan sentire ma sapere che sto dando tutto e sentire il corpo in ottima forza mi aiuta a non calare mai il ritmo, a mantener la mia posizione e il percorso intorno a lago al contatto con la natura ha fatto si che la mia corsa sia stata Fantastica per me passo dopo passo fin sotto all'arco giallo del finish!

belle sensazioni, ottime emozioni... tutto questo in uno sprint.

Niente posizioni, niente tempi. Ho fatto un'ottima gara per me e sempre con il sorriso.


A SMILE FOR EVERYBODY, ALWAYS HAPPY

lunedì 18 luglio 2011

il ritorno a Asola (mn) breve ma intenso

volevo desistere dal gareggiare invece l'ho fatto. la ripresa della corsa dai primi di luglio mi ha spinto a provare! le emozioni di uno sprint uguali a quelle di un lungo, inevitabilmente il cuore batte a 1000 prima dello start! è la passione che muove il mio cervello e le mie gambe!


Eccomi pronta ad attaccarmi il pettorale per il Triathlon Sprint di Asola del 16/07/2011..


Il rank del 2009 mi porta ad avere sempre dei buon numeri ed eccomi che per errore mio (mi spavento) vado in vasca con delle Grandi della mia categoria ma fortunatamente mi accordo che ho un buon numero ma non da andar in vasca con loro.. e si parte nella vasca corretta con una tigna che mi arriva fino all'ultimo boccolo che ho in testa.


Via dopo 16' di litigi in vasca, dove decido di rimaner ultima , si esce a prendere l'amata bici dove cerco sempre di dare il meglio, e così faccio! Spingo sui pedali tanto da recuperare e arrivar dopo la 2a frazione tra le prime 10! ohhohohoh che onore davanti a me nomi come Battistoni, Borsari!


mmmm mi applico nel manetener la mia posizione ma inevitabilemente passo in 14^ la mia corsa ha ancor dei problemi.. ma a mano, ops guinzaglio con la mia Siria Il triathlon di Asola è fatto!


Con tutta la Tigna e incaxxi che avevo Asola per me è stata una gran soddisfazione! un posto così in classifica non lo vedevo dal 2009!


a presto, continuo il mio cammino per tornar anche alla mia passione verso le lunghe distanze!





lunedì 27 giugno 2011

La mia 72km del passatore...

Speravo, ci credevo ma non è l'anno e non credo lo sarà il prox.


Partenza ore 09 da Fenza con il treno speciale. la compagnia è gradevole, Pelo il Pres, Paride, Mauro e Isabel. Si scherza, si parla e ognuno dice la sua su quel che sarà questa 100km che rimane una favola anche solo avervi partecipato.
Il treno arriva puntale in piazza S.Maria Novella, seguendo Paride ci avviciniamo a p.zza della Repubblica dove troviamo il nostro punto di "ristoro" con il famoso pranzo a sacco. Il mio maialino non si sazia con un panino ma mi preparo un delizioso piatto di insalata di pasta con tonno e formaggio olandese, giusto per rimaner "leggera".
Ci riposiamo un pò, incontro la Laura che mi ha seguito come un angelo nella 50km di romagna, Chiara cara amica di triathlon e Krishna che continua a dir che il suo traguardo sarà il 65^km...mamamamam (chiuderà la 100km in meno di 9 ore).
Arriva anche Renzo ottimo compagno fino al traguardo di Borgo San Lorenzo.
ormai è ora di avvicinarsi alla partenza, sono le 14.00...lasciamo le sacche ai bus e si va verso la partenza a cercar anche Andrea il mio angelo custode fino a quello che sarà il mio traguardo..
Lo stato d'animo chiede silenzio e tranquillità.. sparisco da tutti anche perchè è un continuo svuotar fino a pochi minuti prima la partenza..Inno d'Italia e via START.
Pian piano sento che tutto va bene, qualche chiacchiera, dietro al mio abito pezzi di abito da sposa, "gentilmente" stracciati il venerdi 20 maggio, sento le mie gambe leggere anche se quel dolore fastidioso all'anca c'è e so che qualcosa non va.
arriva la prima salita l'attacco subito correndo e camminando, Fiesole...su su su e arriva la discesa per poi tornar su verso Borgo San Lorenzo, so che è solo l'inizio la parte più dura della salita sta per iniziare, il passo della Colla. MI sento forte al mio seguito non c'è solo Andrea ma anche mio marito che crede in me, mi incita, mi segue con la sua moto passo dopo passo sperando fortemente di vedermi tagliare il traguardo a Faenza..
Sulla colla Andrea mi lascia fare, consigliandomi di camminare e di non correre.. ed ecco che non sento la fatica, mi sembra di sognare stavo rispettando i "cancelli" che mi ero prefissata arriva la cima i km percorsi CIRCA 48KM non li sento. mi cambio, un saluto a Francesco sempre presente e si riparte... forse ho sbagliato nella discesa? ho tirato troppo? o forse chissà. Unica cosa certa è che si scende nel buio pesto illuminando la strada con le nostre torcie. le nostre sagome sono date da tutti ciò che è rinfrangente, dalle scarpe al giubbino e si scende sentendo il frescore e non più il caldo.. Di tanto in tano le luci delle case sembrano come le luci del presepe...solo che stavolta non sono in moto, in macchina o in bici...sto correndo a piedi nel buio pesto della notte... emozionandomi, stringendo i denti perchè so che sta per iniziare il pezzo più duro..
ahimè il fisico al 60^ dice che qualcosa non va la prima crisi... cerco di non pensarci, Andrea rispetta i miei silenzi. Non mi chiede, non mi parla ma è presente sempre pronto a porgermi una mano d'aiuto. Andrea non ha i miei tempi da bradipo in letargo ma si è offerto d'aiutarmi sapendo che corre il rischio di perder solo del tempo con me.. La sportività la si ha dentro, lui non è un campione nei tempi ma come amico sportivo lo è. Campione è colui che ha dei buoni tempi ma sa porger una mano, che sa guardare indietro,non decanta le sue avventure...Andrea è stato così! Umile!
i km passano e prima del traguardo di Marradi ci raggiunge anche Francesco, anche lui alla sua prima cento.. mi aiuterà anche lui starà al mio fianco per incitarmi ma al 68^ non riesco a reagire alla crisi, la stanchezza della cento o forse mista a tutto quello che ha preceduto la cento mi pesa... le gambe non sono dure ma non rispondono.. mi sento vuota, non ce la faccio a collegare la testa ai movimenti. Sento che qualcosa non va, non a livello fisico ma dentro.. la mia testa insieme alla mia pressione arteriosa mollano di botto al 72^... devo mollare, devo sedermi... non mi basta una bustina per riprendermi ma litri di soluzioni glucosate e arrivo a faenza in autobulanza... A FAENZA PERò CI SONO ARRIVATA...
La delusione è tanta ma alla fine mi guardo indietro e mi do forza... a un mese ho scritto ma non corro, schiena e anca sx hanno proclamato aperto l'infortunio.. un infortunio che da marzo mi porto dietro....
sono stata folle? si. ho rischiato grosso... ma chi quando ama qualcosa o qualcuno non rischia?
Adesso riposo forzato con tanti impegni mandati in fumo...adesso solo un obiettivo rimettermi in forma fisicamente.
Cosi come ora non sono capace di correre neanche un triathlon distanza sprint, non posso correre...
questa la mia nuova battaglia tornare a correre per poter dar un calcio alla sfiga!
il passatore è sempre li e lo finirò perchè c'è un conto aperto che non vuole resti!

martedì 21 giugno 2011

silenziosamente scrivo....



Scrivo dopo più di un mese di silenzio... ho interagito un pò con facebook per chi ha il mio contatto..


20/05 un giorno indimenticabile....

Un matrimonio atteso, preparato con continue trasferte tra una maratona e l'altra...

Emozionata non basta come parola per esprimere il mio volto e la mia sensazione, non riesco a scrivere tanto e non mi spiego il perchè.


28/05 tanto aspettatato e preparato ma forse quest'anno non è stato l'anno giusto. Il passatore è stato un fallimento.


Poche parole, non trovo molto da dire e scrivere. Delusione che dopo un mese non riesco ancora a smaltire nonostante cerco di darmi carica pensando al prox obiettivo.




lunedì 23 maggio 2011

ho sognato, è arrivato



20/05/2011

non lo dimenticherò mai come le promesse scambiate...


a presto tutto il racconto..

martedì 10 maggio 2011

dopo la 50.. ancor a marcar il cartellino domenicale

Premessa: In questo periodo troppe sono le emozioni, le sensazioni... il desiderio di isolarmi è molto forte e aggiornerò il Blog solo post Grandi eventi.. non riesco a seguirvi e leggerò tutto con calma in seguito. Ho solo un piccolo impegno il 20/05.. IL MIO MATRIMONIO.. PANICO PAULA! ISTERICA SUGNO!

Si sono Folle ho avuto proprio un bel metedo per tentare il suicidio prima del matrimonio.. Dopo la 50km di romagna sono tornata a correre già dal sabato pomeriggio successivo, il mio ginocchio non ha dato segni di squilibrio, presto più attenzione e con dovuta fascia per evitare problemi se pur fastidiosa.
Come è risaputo non sono una podista veloce ma podista tapasciona, molto tapascia, ormai da far parte delle Tapasc runners (è un po' barese detto così) però in bici riesco a tirar fuori il meglio di me, un pò la bestiaccia che è dentro, seguendo i consigli del sommo Guru Bonfanti anzichè fare il percorso lungo della dieci colli di Casalecchio IL 01/05 (6GG DOPO LA 50KM DI ROMAGNA) parto per la 90km che si farà dar del Lei.
La sveglia suona sempre a orari indecenti ultimamente, 5.00h spalanco gli occhi stile robot, pronta per far la pappa pre gara.. fortunatamente sono vicina alla trasferta e in 40' arrivo per il ritiro pacco gara, installazione chip in bici. Un mondo diverso quello delle Gran Fondo per me, poche chiacchiere, pochi saluti.. a dire il vero tapascio poco e IL tempo di scambiar chiacchiere durante come succede nelle maratone ne trovo ben poco per via dell'agonismo che mi fa mettere i paraocchi.
START si parte, penso solo a macinar km a migliorarmi ma le gambe non rispondono, sembrano 2 zavorre che cercano di spingere 2 pedali LEGGERI... ok devo trovare la concentrazione giusta al 20esimo km inizia la salita e passo dopo passo si fa il monte pastore o San pietro non ricordo bene ma tanto Santo non lo è stato .. 7km e poi tutte salite una dopo l'altra fino al 54/60km' non ricordo bene, la discesa arriva e puntuale l'adrenalima mi sale durante e poi si torna su tutte le volte per poter godere i colli bolognesi e veder tutto dall'alto da un'altra prospettiva lo spettacolo che offre la natura. I prati verdi, il colori vivi della primavera... la giornata non si prospettava così stupenda dopo un temporale notturno.
Madre Natura ci ha regalato una bellissima giornata che mi ha aiutato a finir sufficentemente la mia 90km regalandomi in 3h21' un 9^posto di categoria e 26^assoluto che son buona cosa per una che fin'ora ha 1000km di bici nelle gambe ma il cuore del motore in bici.

DOMENICA 08/05 SOMARA QUANTO BASTA, ANZI DI PIù decido di fare la maratona del custoza sia perchè è l'ultima edizione sia perchè volevo fare un collinare diverso dal solito.. non dico nulla della mia decisione e con la mia testa di cavolo di Bruxelles decido DI FARLA.
L'ho sottovalutata, dopo la mediofondo del 01/05 ho continuato a caricare pensando di avere recuperato tutto, concedendomi di riposo solo sabato pregara. NON SARA' COSì
ORE 4H00 ANCORA LEI, LA ODIO ORMAI LA SVEGLIA!
prelevo Duracell, sfido a far un viaggio in auto con lui non sta zitto un minuto, via verso Sommacampagna, Maratona stile Russi molto casereccia con cartelli scritti a mano, il calore degli amici che si ritrovano e al 90% faranno l'avventura del Passatore 2011 (si lo faccio).
Non è giornata ormai la mia testa è molto presa da un unico impegno il 20/05. Le gambe dure subito e preferisco fare il giro di boa e tornare indietro e accontentarmi di un allenamento collinare di 30km. Sentivo che l'avrei finita non in buone condizioni come ho visto altri, la mia testa non c'era, non ero concentrata... e da qui la scelta di saltare anche l'esordio nella distanza Lunga e l'inizio stagione di Triathlon.. un pò di allenamenti in relax per questo week end senza la pressione di chip, start o trasferte...

Ci Blogghiamo a fine maggio promesso.

giovedì 5 maggio 2011

senza titolo. solo pensieri.

pensieri che vagano. DOMANDE???
Il triathlon sta diventando una moda come le maratone. mi vien voglia di farne meno? o pubblicizzarne meno? buona la seconda. ... se l'ha fatta il sindaco di Firenze può farla chiunque. A Firenze mi sono ritirata. mi avrà portato sfiga lui?
Non provo pietà per la morte di un uomo e per i suoi figli. Sarò diventa cinica e sadica?
a volte vado in contrasto con alcune teorie di vita, porgere l'altra guancia. Starò crescendo?
crescendo si perde l'ingenuità e santa cosa che hanno solo i bimbi.
Provare tenerezza e aiutare un animale in difficoltà qualsiasi esso sia può rendere gratificante il proprio essere?
trovare risposte nei silenzi è averle trovate?
si oggi un pò contorta e forse permalosa.

martedì 26 aprile 2011

50km di rumagna magna un pò agonizzanti, ma fatti!





Si decide di partire, da una settimana non accuso dolori al ginocchio sx dove la RSM ha diagnostico solo un versamento del liquido sinoviale senza infiammazioni di legamenti o altro. Praticamente mi si richiedeva del riposo assoluto e ripresa graduale... certo graduale è stata la salita fino al GPM di monte albano.


A parte tutti gli scherzi è stata una follia che avrebbe potuto costarmi molto di più di quello che ho oggi.

una Pasqua passata tra moto, fiorentina e amici vicini e lontani...la cara e bella Lisa e la sua troupe la vedo la sera prima della gara. Loro hanno fatto un vero tour de force e con il loro Tom Tom che non gli da la via della pizzeria che ho prenotato non hanno fatto un grosso affare...che bello star con loro, ovviamente si parlerà di km, tempi....povero mio uomo che sta a ascoltarci..

ore 6.30 chicchirichi suona la sveglia. che trauma! solita colazione bacio portafortuna delle gatte e saluto veloce a Franco che dorme ancora e si raccomanda di non svegliarlo...grrrrrrrrrr che invidia!


A Castel Bolognese C'è Gessica Sarti con la sua Famiglia che mi aspettano.. mi sentivo a casa come una sorella e 2 genitori... aspettiamo il mitico Duracell che è VENUTO IN BICI E CI TORNERA' A SAN LAZZARO.

rito del ritiro pacco e pettorale e ci rimango male che non c'è il Boccione del san giovese come pacco gara!!! hoiiiii io voglio il vino?!

L'adrenalina la sento, trovo degli amici in piazza e alla partenza il gruppo di Lisa che vengono da Roma, la paura ma mi ricordo che non sono sola ho l'appoggio di tanti amici e soprattutto lui, Franco che ha sempre creduto in me..


Si parte al mio fianco ho Luca che l'ho minacciato di legarlo a stile Siria per non farlo distaccare. al km 6 risento quel maledetto fastidio che mi vien provocato dal liquido...devo mollare luca, voglio star sola e per magia mi compare Laura in bici..che adorabile assistente e perfetta. Stando sola inizio a pensare.. a macinar pensieri come fare e perchè questo ... mentre cammino il dolore non lo sento e correndo non da supinatore come io sono riesco a non sentir dolore...sarà così ci impego quasi un'ora e quindici minuti per far 10km... e i successivi 5 non ne parliamo.... intanto però arriviamo a riolo terme direzione Borgo Rivola...sono in un gruppetto.. e con poche parole portano via la mia mente, il dolore inesistente devo solo utilizzare la testa e così sarà, in salita uso la tecnica e le gambe, in discesa rallento sono costretta a farlo ogni volta che spingo il ginocchio si fa sentire... al giro di Boa riprendo Luca, sarebbe stata dura ammettere che lui è arrivato prima di me! TACCCC sulla salita di monte albano continuo a zampettare e salgo presa da un solo pensiero l'arrivo...-5 -4-3-2-1 è così correndo tanto e camminando pochissimo ho scollinato avendo sempre affianco la Geki del triathlon Faenza e Laura Tellurio.. (Laura è andata anche in farmacia a prendere del ghiaccio spray) ma anche l'ex professionista Gigetto Sarti..... un podista mi definisce lo stambecco della romagna d'importazione Barese.. si chiama Mario ma nn so altro


Che emozione, so che non è finita, non è tutta discesa , io il percorso lo conoscevo già presenta delle ondulazioni.. voglio continuare, ogni volta mi dicevo: se sono arrivata fin qui posso continuare. vado! villa vezzano, tebano e -3 a castel Bolognese.. è un miraggio non per la stanchezza, perchè non ho potuto spingere per evitare di aumentar l'infiammazione, ma andar piano fa male ancor di più di andar forte...

avevo promesso al Bonfanti che se avessi sentito male mi sarei fermata...sono stata Somara.. e mi merito tutte le sgridate.

-1 e il mio passo spinge il garmin a indicare 4'30 al passo... emozionata, piango di già ... vedo tutto il gruppo della Podistica solidarietà di Roma, Lisa e Francesco che mi danno il 5, Franco all'arrivo e si l'Arrivo... le emozioni sono forti, non trattengo le lacrime e mi lascio abbracciare e coccolare da Franco che con un gesto molto dolce mi accarezza la testa..che adrenalina l'arrivo, mi ha fatto mancare l'aria...

con una valanga di emozioni mi aspetta il pranzo stile Pasqua a casa Sarti... bella e indimenticabile questa 50 che mi insegna sempre qualcosa... sento di provare una forte passione per il podismo che va oltre a ogni mio limite e so di averne tanti.


non so cosa mi aspetta il futuro. adesso mi godo il presente.




giovedì 7 aprile 2011

il silenzio dopo la tempesta






















manca poco più di un mese a 2 eventi importanti...

Il matrimonio e il Passatore..un miscuglio di pressioni, emozioni, avventure ricordando gli anni passati e un piccolo infortunio fanno si che il mio stato d'animo sia sempre in tempesta e al suo placare voglia continui silenzi.

A volte è un rebus sapere tutto ciò che può succedere da domani in poi.

lunedì 4 aprile 2011

Una lunga e bella passeggiata tra le campagne di Russi non è Stata Russia



Che bello... ancora bellissime le sensazioni correndo 42,195km Russi di romagna, si gioca in casa una maratona molto caserccia, i cartelli scritti a mano con una stampa molto basilare per non dire Antichi come la maratona è. Chissà perchè le cose fatte e organizzate nella bella Romagna del San giovese riescono al meglio. Si parte precisi come un orologio svizzero (particolare significante è vedere su un cartello, io direi disegnato più che stampato, i minuti che precedono la partenza) ultimamente le partenze alle più grandi maratone erano sempre slittate di qualche minuto.. la temperatura non è proprio gradevole e il mio corpo non è ancora temprato come non lo sarà quello di tanti, quindi risultato è cercare un ritmo che non mi porti ad avere le gambe dure e dover camminare o addirittura strisciare. Si va in compagnia di Isabel Bruni, tanto brava e coraggiosa ma deve ancora imparere qualcosa sulle lunghe distanze e forse anche ad ascoltare qualche consiglio. Non avendo grosse pretese di cronometro, per via delle tendinte è ancor presente come dolore, cerco di star con lei per incoraggiarla e dargli qualche piccolo consiglio ma ha la testa più dura della mia e peggio di un Somaro! alla 50 di romagna le porto le orecchie d'asino! Cerco di darle sostegno l'aspetto durante il tragitto e cerco di fare il più possibile affinchè non mi molli perchè oltre a essere alla sua prima maratona ha anche un piccolo problema alla caviglia, però al 25esimo il verdetto, mi molla e allora continuo tra le campagne di russi, bagnacavallo, santerno, boncellino e ritornare a Russi. la Maratona di Russi non attraversa monumenti, città piene di gente che tifano stile Roma, sarà per la piccola serenità ritrovata a me è piaciuto correre tra le campagne con tutti i colori della primavera, gli alberi da frutto sono in fiore, costeggiare il rivale del fiume e immersa neei mie pensieri e al max della mia tranquillità ho sempre pensato all'arrivo su quel porfido stile san pientrino. Qulacuno può pensare che ho perso del tempo con la mia amica ma io non ci penso (si vero che ho perso dei minuti preziosi). l'ho fatto con il cuore e le avevo promesso che l'avremmo fatta insieme. sono certa che se non avesse avuto il suo problema alla caviglia l'avremmo finita con un bel tempo e mano nella mano. ogni volta c'è sempre da imparare e in questa maratona ho imparato qualcos'altro! Completamente soddisfatta di me!

mercoledì 30 marzo 2011

errori e inesperienza

ieri ho corso finalmente... qualche km senza forzare russi è vicina. che dire ho trovato la conferma che le nuove saucony progrid jazz14 non fan per me.. PURTROPPO, tra i tanti motivi anche la forma che è diversa dalla jazz 13 e le CUCITURE, si trovano nel posto sbagliato per me perchè le cuciture dell'avampiede vanno a comprimere esattamente sul mio punto debole il nervo tra il 4 e 5° metatarso (risultato: piede dolorante).. ottima ammortizzazione ma non fanno per me... acquisto errato, torno alle 13 e provo le nuove brooks adrenaline gts 13 (FORSE IL NUMERO 13 MI PORTA FORTUNA) uso sempre 2 paia diverse tra lunghi e corti percorsi, per evitar i problemi di fossilizzarmi su un modello. Questa volta mi è andata male. Le vecchie Mizuno nexus 4 rimangono solo scarpe da passeggio è una follia usarle ormai non ammortizzano neanche a volerlo, visto che sono ancora belle esteticamente ho cambiato i plantari e le uso per far WALKING ( il mio prox sport se continuo a rompermi, è anche elegante definirlo così).

venerdì 25 marzo 2011

ohohoh Napoleone andò a Waterloo io a Roma, è più vicina




dopo 5gg dalla mia delusione Romana ho trovato il coraggio di scrivere..

Ormai la delusione e l'amaro son passati o quasi

Un mese veramente Tosto,Granfondo in bici il 13/03 sulle cime di Ancona e che fatica quel 23% di pendenza... con i miei soli 500km di bici percorsi dall'inizio anno fatta e finita divinamente!

Roma il mio obiettivo, scendere sotto le 4h nella distanza regina e vedere il mitico 3 (si tre è il numero perfetto per eccellenza).


ohohho che Gas che avevo sabato, lo ho ancora tutto quel Gas in 64kg per 1.67m in h di persona riescono a contenerlo benissimo. SEGNI PARTICOLARI: GRINTAAAAAAAAAAAAAAA



incontro al marathon village tantissimi amici conosciuti tramite Facebook con cui si concorda la cena (forse è l'unica cosa che mi è riuscita bene mangiare), solito rito del ritiro pettorale, Franco che si dispera perchè mi chiede: ma che te ne fai di un altro zaino e un'altra maglietta? io: ammmorre sono ricordi!



mi sa che mi serve una camera solo per i "ricordi"
eccoci, Francesco, francesco alla seconda è a far la foto, Elisa e Elisa alla seconda, Marte e Stefano.

Marco Stravato è riuscito a unirci e regalarci una fantastica serata pre maratona, annientando tutte le tensioni o quasi,
Appuntamento alle 20.00 circa alla trattoria Vecchia Roma, dopo aver lasciato i bagagli nell'affitta camere che neanche a farlo apposta è a 200m (che dire, che chiul) E per caso ci sono anche altri ragazzi che conoscevo di già di persona, Riccardo, Carlo, La mitticcca Sabbbrina.



La dieta pre maratona la lascio perdere a si affonda la forchetta nel piatto romano, gli spaghetti o bucatini (nn ricordo bene, ultimamente il mio cervello è full) alla matriciana... hoohohoh speravo di smaltirli in 42km..... ma si son smaltiti in 21



puntale come non mai arrivo al colosseo, entro con una grinta da far paura ai poveri Leoni :) GRRRRRR GRRRRRRRRRRR OCHO CHE MORDO (diventarà un timido miao)

cerco i pacer, in realtà cerco Lisa, pacer della mia prima maratona a cui tengo in particolar modo, se fossi stato un uomo non l'avrei mai mollata più che altro per la sua bellezza, spontaneità, felicità e piacere di averla accanto, visto che la fortuna vuole di avere il gran piacere di essere donna io apprezzo tutte le altre qualità. è Un PACER con le palle e sa farlo! ottima! anche per lei sarà una piccola Odissea... e mi dispiacerà..



si 21km i km percorsi tristemente e con le lacrime agli occhi, perchè chiamatela sfiga o altro, per me è sfiga i san pietrini hanno fatto festa con la mia schiena (mancavan solo cappellini,fischietti, coriandoli e stelle filanti) e facendomi sentire tutti i mali di sto mondo....

dal 10°km al 21° ho sperato, fino al 15° credevo di riuscire ma il dolore al piede e alle ginocchia mi hanno fatto perdere la testa, l'elemento principale per finire... e il piede ormai non ne voleva più saper di toccare il suolo anche perchè pur impostanto una pronatura diversa mi sarei solo fatta del male.

la rabbia, delusione, dolore li lascio a domenica scorsa. il piede è un problema che va di riflesso alla mia schiena.. i motivi li so ma ormai è acqua passata.

ancora qualche giorno di riposo, relax per riprender corpo e testa e da lunedi si torna a pensare al mio "Passo", allenamenti di nuoto, bici e corsa E TRA NA GARA, UN ALLENAMENTO E ALTRO SARA' MEGLIO CHE MI RICORDI ANCHE DI UN ALTRO GENERE DI PASSO!

POVER UOMO :) ASPETTAMI CHE ARRIVO CICCIO PER QUESTO NON è AMMESSO IL RITIRO E RESI




GO ALINA GO!

martedì 8 marzo 2011

esito...

ricevuto L'esito...
si, pazienza, proprio nulla non è..il rischio di ernia c'è in quanto il lieve schiacciamento a livello del disco 4° e 5° lombosacrale crea una piccola e lieve propulsione... ancora una volta Dr. Lelli ha fatto una diagnosi eccellente senza avere in mano il referto della risonanza..sono andata per un semplice controllo, adesso mi ritrovo a dieta forzata e andare in palestra per il rinforzo della parte lombare e addominale se voglio continuare a correre.. Io VOGLIO continuare a correre senza se! Questa volta lo spavento di un fermo per sempre è troppo grande e non lo voglio. Abortita la nutella, vietata qualsiasi forma di essere fatto di zucchero e grassi! ne vale la pena se tutto ciò mi permette di continuare a correre!

martedì 1 marzo 2011

28/02/2011 Ortopedico..

Che rito questo.
ho sempre molta paura di andarci..chissà perchè.
Ultima revisione prima del grande passo, si il passaaaaaaaaaaaatore...
Sono ottimista sono entrata con il sorriso e uscita con la lacrima.
Le mie ginocchia non hanno problemi nonostante gli faccio sopportare l'allenamento di 5 ore a piedi 1 volta al mese.
Diagnosi:DISCOPATIA L5S1 A SOLI 27 ANNI...NON HO DOLORI è QUESTA LA MIA RABBIA
risonanza magnetica già prenotata per il 09/03/2011 che spero smentisca ogni dubbio.

mercoledì 23 febbraio 2011

Maratona di Verona 2011, Buona la prima





che dire pacer 4h45' chiuso con 4h44'40''

emozionanti i 42,195km come al solito, esperienza diversa però dare agli altri qualcosa è sempre magnifico.

ore 4.00 la sveglia canta, mamma mia che orrore vedere le 4h e non è il rilevamento del cronometro della maratona ma la mia sveglia!!! lascio Franco dormire ancora un po' sarà lui a guidare..

preparo la mia mitica colazione, cereali, briosche e tanti biscotti, una caffettiera intera di caffè da 3 tazze e via si parte... saluto alla piccola Diana che lascierò in casa con le 2 gattine perchè sta volta tocca a Siria seguirci.

ore 5.55 preleviamo Luca Zanetti dalla rotonda di San Lazzaro vicino all'autolavaggio...

Duracell mi batte nel parlare!!!! Fortuna che come al solito faccio sosta all'autogrill per il bagno e sosta per testa da Duracell ..ahaha

Corrado è nel palazzo della Guardia a gestire i Pacer, più che altro è a gonfiar palloncini colorati, affido Siria a Franco (rimarrà con lui fino al 36esimo km), rito della vestizione con il completino della verona marthon molto carino ma i pantaloncini per me sono molto mini e decido di indossarli sopra i soliti pantaloni a mezza gamba (sono gelosa dei mie prosciutti baresi).

Si va siam pronti, non conosco l'altro ragazzo che mi accompagnerà in questa avventura, lo cerco e lo ritrovo con un solo palloncino che non svolazza e gli cedo uno dei mie tre...quello dove non c'è scritto il mio nome... altrimenti avrebbero pensato male di max! però conoscersi 2 minuti prima dello START non male!

Come al solito si scherza, si gioca e si corre mettendoci il cuore, gambe e testa... avendo accanto oltre DURACELL pur se solo per 40km anche Riccardo Ricci alla sua prima maratona, amico di FACEBOOK, conosciuto di persona in questa occasione..

Al 36esimo come d'incanto compare Franco unico nel suo genere a farmi il tifo con la piccola Siria.. gli chiedo di passarmela ed ecco corro con Siria per 6km, presa dall'eccitamente inizia a fare un p0' di qua e un p0' di la ma ritrova la retta via e ogni tanto ci guarda con sguardo perplesso come se vuol dirci: oh ma vi date na mosssa?????? ma sta tipetta! lego un palloncino anche a lei.
raccogliamo altri ragazzi/e in crisi, gli aiutamo gli incoraggiamo e non mollano ci segurianno fino al km 42,195, si L'ARRIVO!
bellissimo tagliar il traguardo così, leggere quella felicità della prima maratona come lo è stata per me la mia prima Firenze 2009 4h.45 (si nello stesso tempo che oggi ho fatto da pacer)!
Particolare che va a aumentar la mia felicità..gli occhi del mio Franco emozionati sempre come se fosse la prima volta che mi vede gareggiare....
Cambio vestiti, sarà meglio vista la mia mise molto estiva, e un bimbo si avvicina a Siria chiamandola Peggy, forte il bimbo che dice: Mamma ma non si chiama Peggy vedi che sul palloncino c'è scritto Alina! Ciao Alina!
l'ingenuità e la mancanza di malizia del bambino ha associato il nome scritto sul palloncino al cane... lascio voi capire cosa io voglia dire..
ultimi saluti di tanti amici ritrovati e così si chiude una bellissima avventura..
ciao alla prox




lunedì 17 gennaio 2011

-124 non è il pettorale ma -124 gg al matrimonio


eccoci alla partenza, lui sarà il cavaliere della mia prima ultra..hahaha ci mancava solo il cestino del pic nic ed eravamo nel posto giusto.
un week end iniziato dal sabato sera con la cena sempre tutto organizzato da Enrico Vedilei.
Ritrovo Sara Valdo conosciuta in occasione della 50km di romagna, altri ragazzi e ragazze e il solito Guru Sig. Bonfanti che mi farà invidia a vederlo mangiare (cavoli quanto magna) ecco il suo segreto!!!! ma come farà a digerire tutta quella roba?? gli cedo anche una mia mezza pizza!
sabato mattina è ora di partire tranquilla, avendo in mente il mio obiettivo e sapendo che non ero sola avevo Luca Zanetti con me.
saluto veloce e un pò tesa si parte per questa avventura, nuova per me...
Essendo nuova come distanza e 48 sono lunghi decido di farla a stile tapascioni tanto che io e Luca parliamo sempre per 3 giri di seguito del circuito, parlando di obiettivi, di ironman, di quanto sono strxxxi i giudici in gara, follie e suscitando un pò l'invidia di 2 podisti che poi si fermeranno al 4 giro.
da essere in 2 siamo diventati un folto gruppo.
3 giri e 1/2 sono passati veramente senza fatica, ovvio che stando 4 ore sulle gambe la fatica è giunta e un pò in crisi ero indecisa sull'ultimo giro!
sul ponte in lontananza vedo delle forme che conosco! ma certo sono La geki, Franco e una coppia di amici! Che gas che mi è venuto, bacio di rifornimento e via si va verso l'ultimo a riprendere Luca che durante non mi ha mai lasciato.
ultimo giro lo passiamo tranquillamente senza troppe crisi. FINISH medaglia luminosa!
e i miei occhi come al solito pieni di gioia.
Che emozione.
e nel rientro altra sorpresa! L'uomo di casa mi ha già preparato tutto, pranzo e tanto di tappeto in bagno per doccia! UNICO nel suo genere! tanto rompipalle tanto emozionante! è MEGLIO CHE ME LO SPOSO!!!!
si si -124 è stata la mia sorpresa, ho corso con il numero di giorni che mancano al mio matrimonio impresso sullo sfondo bianco del pettorale. E' stata una bellissima sorpresa da Parte di Enrico.
Bella giornata, favoloso week end.
intanto continuo verso il mio obiettivo.
Oggi gambe morbide, significa che potevo dare di più :)