martedì 29 gennaio 2013

Dalmata Diana, diario di un intervento

Diana ormai tra 10/12 anni.

Tutto inizia questo Natale, i miei Amici ("genitori umani") Alina e Francesco mi coccolano e mentre io sono girata di pancia all'aria a farmi fare le coccole sulla pancia loro si guardano con una faccia sospetta e si dicono, dobbiamo portarla dal veterinario. Perché hanno le facce perplesse? io sto bene..

Io in quel posto brutto non ci voglio proprio andare! "Mamma" si ostina a presentarmi tanti signori e signore con il camice verde o bianco, sono dolci con me, mi danno sempre le crocchette e fanno mille carezze ma non mi "fregano" io non li voglio, quando meno me lo aspetto mi infilano le mani in bocca, mi tastano, prendono quella siringona e mi dicono sempre "è per il tuo bene".

sabato 05/01 "mamma e papà" prendono me e Sira, ci infilano il guinzaglio, solito giro del paese e ci dicono che dobbiamo andare il quel postaccio! a malincuore accetto, io me la faccio sotto già prima di entrare e prima o poi la mano di qualcuna sono certa che sarà appetibile.
Guardo la faccia di mamma, mentre sente la parola intervento dopo cura.. cosa sarà?
sento che dice che deve richiamare la clinica post cura per fissare la data.. cosa sta succedendo?
Mamma e Papà mi accarezzano più del solito..

In questi giorni tutto procede bene, loro sono con il solito umore, giocano entrambi con noi, mi portano in giro a camminare anche se  ORMAI IO STO BENE NEL CALDUCCIO DI CASA, MI BASTA ANDAR FUORI A FARE LO STRETTO NECESSARIO! ma se proprio devo glielo faccio il favore di accompagnarli fuori a prendere aria, così smaltiscono.

sabato 19/01 mamma prende me e Siria e ci porta fuori e inizia a sussurrarmi che dobbiamo tornare in quel postaccio, ma questa volta in macchina porta solo me, perchè? e Siria?
come al solito faccio di tutto per non entrare in quella SPETTRALE SALA, mi tocca, devo entrare, lei mi sta supplicando di farlo.
In sala d'attesa ci sono sempre tanti amichetti, siamo tutti nella stessa situazione, dobbiamo farci vedere dai quei mostri umani. Che noia, c'è una Signora che chiama il nome della mia Alina, che tocchi a me? credo proprio di si, devo andare, ma parchè Non si fa visitare lei??? MAMMA MIA QUESTA VOLTA ALTRO CHE VACCINO QUESTA SIGNORA FARA' DRACULA!
Devo fare un prelievo, ma a cosa servirà, io STO BENE!

Finalmente esco da quel posto infernale, ma mamma parla ancora con questa signora, fissa UN ALTRO APPUNTAMENTO. MA ORA BASTA EH?!

giovedi 24/01 eppur oggi mi è sembrata un giornata normale, non ho fatto dispetti, non ho fatto danni, ho mangiato, perchè Mamma piange? dice a Francesco che domani deve portarmi di nuovo in posto orrendo, ma è pazza? mi lascia sola?  mi dispiace e mi avvicino a lei per coccolarla un po', appoggio la mia testa sulle sue gambe e rimango così tutta sera... le voglio tanto bene...



Venerdi 25/01 eccola di nuovo che mi porta in quel posto, non lo vuole capire che non ci voglio proprio entrare e tre volte in un mese SONO DIVENTATE TROPPE! ah questi umani!
la osservo per tutto il tempo d'attesa, non fa altro che stringermi e dirmi che mi vuole bene, che stasera mi viene a prendermi e che questi dottori mi vogliono bene.
Ma mi lascerà veramente qui?????
Credo di si, ed ecco che arriva la signora di sabato scorso... Ma cosa fa mamma? mi lascia qui?
Lascia il mio guinzaglio tra le mani della dottoressa, mi da un bacio sulla fronte e guardandomi va via..ma dove vai? stai qui con me... non mi lasciare ...
Sento parlare i medici, parlano di un Dalmata anziano da operare, un parola come ovariectomia e dicono che con questo tutto si risolve... ma cosa diranno mai? sono io? non capisco nulla, perché a me. 
Tutti mi girano intorno, mi intubano... io pian piano chiudo gli occhi ...qualcosa non va, che succede? sento il mio cuore strano... vuol mollare..ma..ma c'è la mia mamma, la mia famiglia che aspetta, non devo farlo... devo vincere io...
Mamma dice che sono una roccia, tutto d'un pezzo! Io ho vinto la mia battaglia!
Ecco tutto è passato, io riapro gli occhi e non sono sull'arcobaleno che porta al di là ma ANCORA IN QUEL POSTACCIO! continuo a dirmi che mamma verrà...

Eccola la mia mamma questa volta c'è anche il mio Papà... non riesco a gioire come vorrei e a sorriderle come al mio solito, sento la mia pancia "aperta", ho gli occhi pieni di lacrime, ho tanto male.. non riesco a fare a meno di lamentarmi, vorrei non farle sentire questi gemiti.. vorrei solo farle sentire che sto bene...che sono tanto felice che sia venuta a prendermi
Alina e Francesco tornano a parlare con il veterinario, qualcosa mi dice che in questo posto devo tornarci, erano felici tanto quanto me appena arrivati, brillavano a entrambi gli occhi, proprio come me.. ma ora sono strani, sono Bianchi e attoniti, addirittura mamma si siede, la dottoressa gli ha spiegato la mia battaglia durante l'intervento....

ore 20.00 tutti e 6 siamo in casa, sono felice di stare a casa ma sono tanto stanca, non riesco a mangiare.. uscire... mamma e papà rimangono con me .. si ne sono convinta mi amano proprio tanto anche se per non farmi grattare la pancia MI HANNO MESSO UNO STUPIDO BODY che usava mamma!
Stasera ho solo bisogno di stare a riposo e in casa.. al caldo..ho avuto una giornata "emozionante".. Ora però mi sento sicura, ho accanto tutta la mia famiglia e il loro amore.

sabato 26/01 mamma e papà sono sempre con me, io sto bene, ma sono ancora deboluccia ho male.. vorrei non farlo sentire e non farli preoccupare, la piccola Siria vuol giocare come al solito ma mi arrabbio con lei, oggi non ce la faccio proprio..
Voglio solo riposare...
mi portano fuori per lo stretto necessario ma che bello mi tolgono questo stupido coso che cerco ogni tanto di togliermi ma loro dicono che devo tenerlo, a me me pare na' strunzata. Ma si voglio crederci e me lo tengo E  non lo strappo ma mi sento un po' in imbarazzo. COSA MI TOCCA FARE!

che bella serata, mamma e papà mi coccolano più del solito, non si allontanano da me... ma io sto meglio e glielo faccio capire scodinzolando. Non ho mai smesso di farlo.

domenica 27/01 tutto procede bene, mamma e papà dicono che se sto bene io loro di riflesso stanno meglio.
stasera mi fanno fare qualche passo in più.. si ora inizia a andare meglio...

lunedi 28/01  che bello mi sento pian piano molto meglio, io quasi quasi torno a fare le  mie furbate, mamma è disattenta! è ora ! posso farlo! il "ristorante dei gatti" è libero posso fare l'assalto! TAC I CROCCANTINI DEI GATTI SONO i miei!
eccola arriva mamma!  mi sorride e sono certa che non mi sgrida ma mi sbaglio mi guarda e mi dice : hei tu non credere che per il fatto che non stai bene puoi prendermi in giro! no mamma l'ho già fatto!


fine del diario a oggi.... a presto il resto per il suo cuore...

OGGI DIANA STA MEGLIO, E' VERAMENTE UNA ROCCIA, VENERDI SERA IL MIO CUORE SI è FERMATO QUANDO HA SAPUTO DELL'INTERVENTO.. E MILLE RICORDI IN UN FRANGENTE DI SECONDO MI SONO RIAFFIORATI, DA QUANDO L'HO TROVATA A OGGI.
DAL 2004, ANNI INTENSI, PASSATI INSIEME, EMOZIONI, PIACERI.. IL SUO MAGICO SORRISO APPENA TROVATA E LE SUE ZAMPE SULLE MIE SPALLE MENTRE QUELLA LINGUA MI LECCAVA IL VISO... tutto questo in un animale, qualcosa di estremamente vero che la creatura non ha sbagliato a creare.

PER LA PRIMA VOLTA HO AVUTO PAURA DI PERDERE LA NOSTRA AMATA DIANA...SO BENE CHE NON VIVONO IN ETERNO, LA REALTA' è CHE NON SI è MAI PRONTI ALLA FINE.



7 commenti:

  1. solo a ripensarci mi viene un groppo in gola.... no, non ci si abitua mai, eppure bisogna lasciarli andare................................................

    RispondiElimina
    Risposte
    1. yogi verrà un tempo per tutto, ora però preferisco posticiparlo...

      Elimina
  2. Tanto bene...ha ragione yogi...sarà difficile è inutile negarlo...ma adesso goditela fino in fondo e riempila di coccole ..non sono mai troppe...
    ...per me è stato difficilissimo...non immaginavo un dolore così intenso..

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Alessia non finirei mai di farle le coccole ..

      Elimina
  3. già, anche per me è stato il dolore più grande mai provato, al punto da farmi dire: mai più! eppure adesso c'è Caio........ stargli vicino sino in fondo, restituendo appena un briciolo di quello che ci hanno donato, è l'unica cosa che possiamo.....

    RispondiElimina
  4. Il loro amore ripaga di tutto, la loro vita è nelle nostre mani...

    RispondiElimina
  5. <3 <3 <3 <3 Sono angeli che ci restituiscono un milione di volte quello che noi diamo loro; amandoli ci rendono uomini e donne migliori! Che mondo orribile sarebbe, se non ci fossero questi angeli a 4 zampe che sanno parlare così bene al nostro cuore!! Forza Diana, ti vogliamo un gran bene! <3 <3 <3 <3 <3 <3

    RispondiElimina